L’Apollo di Veio

Presso il Museo nazionale etrusco di Villa Giulia dell’Urbe, tra le splendide opere della cultura artistica dei vetusti Falisci e degli antichi Etruschi, è da annoverare l’“Apollo di Veio”, una statua coroplastica che un tempo presentava raffinate policromie. Gli studiosi…

Atena Parthènos

Della statua di Atena Parthènos realizzata dall’artista ateniese Fidia, vissuto nel V secolo a.C., ne abbiamo notizia in un trattato del II secolo d.C. dal titolo “Helládos Periēghēsis” dello scrittore Pausania: nell’Ellade classica una “periegesi” consisteva in una relazione storiografica…

Il Trittico Portinari

Hugo van der Goes è l’autore del “Trittico Portinari”, una terna di dipinti ad olio su tavola realizzato verso la metà del XV secolo e custodito presso la Galleria degli Uffizi della “Città del Giglio”. Il finanziere Tommaso Portinari del…

La Pietà vaticana

“MICHEL.A[N]GELVS BONAROTVS FLORENT[INVS] FACIEBAT” (“Lo fece il fiorentino Michelangelo Buonarroti”): questa è la scritta che compare sulla “Pietà vaticana”, una tra le opere più conosciute a livello mondiale dello scultore capresano. Il giovane artista fu incaricato della realizzazione del monumento…

La Dama con l’ermellino

Leonardo da Vinci nacque nella frazione di Anchiano, in Toscana, il 15 aprile 1452 e morì ad Amboise, cittadina d’Oltralpe, il 2 maggio 1519. Difficile trovare le parole per descrivere il talento, l’ingegno, l’inventiva e la creatività dell’artista rinascimentale fiorentino:…

La Nike di Samotracia

Plinio il Vecchio, nel suo trattato Naturalis Historia, cita la figura dell’artista Pitocrito, figlio di Timocare, entrambi Maestri d’Arte scultorea ellenici. Tra i suoi capolavori la Nike di Samotracia, scolpita nel II secolo in lychnites, un pregevole marmo di Paro…

Il Viandante sul mare di nebbia

Caspar David Friedrich è stato uno dei massimi rappresentanti del movimento romantico alemanno: i caratteristici panorami teutonici sono stati oggetto di grande interesse per la sua arte, e i suoi dipinti, in ottemperanza ai canoni dell’estetica del “Sublime”, interpretano la…

Lo Stendardo di Ur

La Sala 56 del British Museum londinese è il luogo dove è conservato lo “Stendardo di Ur”, un’opera di tarsia lignea della civiltà sumera del XXV secolo a.C. di autore ignoto. L’antica vestigia è venuta alla luce durante gli scavi…