Coronavirus: musei e lockdown

Sono passati ormai due mesi dal lockdown che ha messo in ginocchio la nostra nazione e gran parte del mondo intero. Musei, cinema, scuole e luoghi d’interesse culturale risultano ad oggi ancora chiusi ma a detta del ministro per i Beni Culturali Franceschini, potrebbero riaprire entro il mese di maggio, secondo le linee guida della Direzione Generale dei Musei e attraverso opportune misure di igienizzazione degli spazi e distanze di sicurezza. Pronti alla riapertura già gli Uffizi, il cui sistema di vendita dei biglietti online mirava già in passato a ridurre le estenuanti code. Schermi di realtà virtuale e audioguide rappresentano alcuni dei progetti che saranno attuati per consentire una minore affluenza agli ambienti museali. “Splendono di una bellezza nuda e silenziosa le città d’arte italiane” ha affermato Gabriella Belli, direttrice della Fondazione Musei Civici di Venezia, mentre a Brera ad affiancarsi all’empirismo dei percorsi i contenuti digitali che facilitano l’accesso alla conoscenza e all’arte. Durante queste giornate in cui i minuti sono scanditi da gocce di pioggia sparse e spiragli di sole, vogliamo ricordare le parole di un appassionato Robin Williams ne “L’attimo fuggente”: “noi leggiamo e scriviamo poesie perché […] siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento, ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono le cose che ci tengono in vita”.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post