Codice di condotta per la offerta dei servizi a sovrapprezzo e la tutela dei minori

Ieri sera, nel salone della Dea Sport Onlus di Bellona si ? tenuto un incontro sul tema: ?Tutela dei Minori?. Dalla discussione ? emerso che: ?Il 16 febbraio 2005 ? stato firmato dagli operatori di telefonia mobile Tim, Tre, Vodafone, Wind, alla presenza del Ministro delle Comunicazioni, L?utilizzo strettamente personale dei cellulari e l?ampia diffusione nel mondo mobile dei servizi di pagamento in modalit? prepagata, impongono una tutela specifica del consumatore. Tutela che deve riguardare sia il corretto utilizzo dei servizi che la custodia del cellulare. Cos? gli operatori di comunicazione mobile sono stati costretti ad informare in maniera trasparente ed aggiornata la propria clientela in merito alle condizioni economiche ed alle modalit? di fruizione dei servizi a sovrapprezzo offerti. Fruizione dei servizi a sovrapprezzo che deve avvenire nel rispetto della tutela della protezione dei minori e della salvaguardia della dignit? umana. I gestori di telefonia oltre ad aderire al presente Codice sono gi? dotati di alcuni sistemi e procedure interne che disciplinano l?utilizzo dei servizi a sovrapprezzo. La scelta di dotarsi di un Codice di autoregolamentazione ? stata fatta per garantire ulteriormente la propria clientela e la tutela dei minori, presupposti ritenuti necessari per assicurare uno sviluppo continuo e certo del mercato dei nuovi servizi radiomobili. In particolare, il Codice prevede: La predisposizione di mezzi idonei per assicurare l?utilizzo sicuro dei servizi di chat; L?individuazione trasparente alla propria clientela dei servizi che presentano contenuti sensibili. L?accesso a tali servizi ? permesso soltanto previa informativa sulla natura del servizio; La predisposizione, a favore di genitori e tutori, di strumenti per proteggere il minore dalla fruizione di servizi a contenuto sensibile. Come ad esempio l?inibizione alla fruizione dei servizi in modalit? permanente, l?apertura dell?accesso ai servizi previa espressa richiesta dei genitori, l?accesso ai servizi in modalit? controllata dall?utente, attraverso l?utilizzo di un codice personalizzato (PIN). Il coordinamento delle attivit? di aggiornamento e di revisione del Codice di Condotta ? affidato ad un apposito Organo di Garanzia, di cui oltre agli operatori fanno parte il Ministero delle Comunicazioni e la Fondazione Bordoni. Al coordinamento spetta la valutazione delle eventuali problematiche emerse individuando le possibili soluzioni?

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post
Postato in Senza categoria