Stranormannina del 19 maggio, con il progetto ‘disabilitiamo le disabilità’ inizia il conto alla rovescia

È iniziato Il conto alla rovescia per la Stranormannina del prossimo 19 maggio. A scandire i giorni che mancheranno all’evento podistico dedicato ai bambini saranno gli appuntamenti nelle scuole di Aversa del progetto ‘Disabilitiamo le Disabilità’. I primi due si sono svolti mercoledì 10 e giovedì 11 aprile, presso la Scuola Elementare ‘Cimarosa’ IV Circolo in via Giotto. Organizzato dall’Asd ‘L’Altra Aversa’, con il coinvolgimento del Garante per i Diritti dei Disabili Comune di Aversa Vincenzo Della Puca, il progetto ‘Disabilitiamo le Disabilità’ ha l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale dei bambini “speciali”, eliminando tutte quelle barriere che normalmente caratterizzano la comunicazione e l’interazione con gli stessi. Il progetto è realizzato anche grazie alla collaborazione delle scuole medie ed elementari della Città di Aversa, con l’organizzazione di giornate informative in compagnia dei bambini. Dopo il successo dei primi due incontri nella Scuola Elementare ‘Cimarosa’, questi i prossimi appuntamenti: 2 maggio Scuola Elementare III Circolo plesso Gescal; 3 maggio Scuola Elementare III Circolo San Giovanni; 6 maggio Scuola Media ‘Parente’; 8 maggio Scuola Elementare ‘Parente’, plessi Diaz e Siani; 9 e 10 maggio Scuola Media ‘Cimarosa’; 14 e 16 maggio Istituto Comprensivo ‘De Curtis’. Il progetto avrà la sua naturale conclusione il 19 maggio, con la Stranormannina, che prevede la tradizionale gara inclusiva per i bambini “speciali” e l’Orda Stranormanna, ovvero la Mini Spartan Race, degna e gioiosa replica al Parco Pozzi della festa che lo scorso settembre ha lasciato un ricordo indelebile ai piccoli atleti e ai loro genitori. In occasione della Stranormannina verrà consegnato un ricco pacco gara a tutti i bambini partecipanti. Nello stile della Stranormanna, tutto il ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza. «In questi pochi anni abbiamo creato qualcosa di incredibile», afferma con orgoglio il patron della Stranormanna Peppe Andreozzi. «Stare in compagnia dei bambini speciali ti dà una carica e un’energia senza paragoni. Ti dimentichi di tutto ed entri nel loro mondo. La cosa più bella è la loro meraviglia. La Stranormanna è una grande forza e i bambini speciali lo hanno capito, ma soprattutto hanno capito quanta forza hanno loro e quanto serve l’interazione con gli altri bambini. Grazie a progetti come ‘Disabilitiamo le Disabilità’ possiamo affermare con orgoglio che Il nostro obiettivo di favorire l’inclusione si sta realizzando». Per le iscrizioni alla Stranormannina si può contattare l’organizzazione tramite il sito web www.stranormanna.com o la pagina Facebook, oppure ci si può recare presso il Gazebo Stranormanna presente ogni sabato pomeriggio in Via Roma.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post