Questa sera a Mignano Montelungo proiezione del film-documentario “Terra bruciata!”

Questa sera, con inizio alle ore 20.00, nell’incantevole Castello “Ettore Fieramosca” di Mignano Montelungo, Corso Umberto I, la locale Pro Loco e l’Istituto Luce Cinecittà presentano il film-documentario “Terra bruciata!”, regista Luca Gianfrancesco; interpreti Antonio Pennarella, Paola Lavini, Mino Sferra, Arturo Sepe, Antonello Cossia e Luciana De falco; testimoni oculari Vincenzo Iulianiello, Graziella Di Gasparro, Andrea Maccarone, Elena Valente e Ziva Modiano; storici Carlo Gentile, Giuseppe Angelone, Giovanni Cerchia, Felice Corvese e Isabella Insolvibile. Il film-documentario presenta il tragico evento del 1° novembre 1943 a Conca della Campania, un minuscolo borgo della provincia di Caserta, ove 19 civili furono trucidati da una pattuglia di militari tedeschi. Caserta, provincia meridionale maggiormente colpita, assume un ruolo chiave per comprendere al meglio la recrudescenza dell’occupazione tedesca del Paese, all’alba della liberazione del continente europeo. Per lo storico Giuseppe Angelone la strage di Conca della Campania costituisce un “fatto” significativo per comprendere compiutamente quel processo che trasformò l’occupazione tedesca dell’Italia da una presenza militare “tollerata” ad un’egemonia aggressiva e violenta nei confronti della popolazione civile. Graziella Di Gasparro, figlia di uno dei caduti, lotta strenuamente da anni per tener viva la memoria di quell’eccidio dimenticato. L’assassinio del padre di Graziella fu il terribile epilogo della brutale occupazione del territorio che l’esercito tedesco mise in essere in tutta la Campania centrosettentrionale a partire dall’8 settembre 1943, data dell’armistizio che ridusse la popolazione alla fame e causò quasi centomila vittime. Graziella, dopo anni di sofferenze, con la visita dell’ambasciatrice tedesca a Conca della Campani, in occasione della commemorazione del 73° anniversario della strage, oltre al riconoscimento per le sofferenze, sue e dei suoi concittadini, ha finalmente avviato un processo di riconciliazione con il suo tragico passato. Il regista del film-documentario “Terra bruciata! Il laboratorio italiano della ferocia nazista” è Luca Gianfrancesco, nato il 23 settembre 1969, nel vicino comune di Vairano Patenora. Dal 2005 collabora con il regista Maurizio Scaparro come montatore delle sue opere, tra le quali “L’ultimo Pulcinella” e “Memoories”. E’ stato selezionato al Master Discovery Campus Master School, dove ha ricevuto il premio speciale della giuria Discovery, e al Docs in Thessaloniki Pitching Forum 2010. Collabora regolarmente come film maker free-lance con una vasta gamma di reti televisive italiane ed estere oltre che con numerose produzioni e committenti pubblicitari internazionali.
Assisteranno alla proiezione S.E. Mons. Giacomo Cirulli, Vescovo della Diocesi di Teano-Calvi; Antonio Verdone, Sindaco di Mignano Montelungo; Luca Gianfrancesco, regista e scenografo del film-documentario con il cast degli attori e gli storici che, con il loro contributo, hanno impreziosito, non poco, il film-documentario.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post