Dibattito alla Dea Sport su: Tutela delle persone con disabilità

L’Associazione Dea Sport Onlus di Bellona ha organizzato un dibattito sulla “Tutela delle persone con disabilità”. Tra i tanti interventi il più esauriente è risultato quello del dott. Stefano Cozzolino dell’Istituto Superiore della Sanità. “Con la legge 1 marzo 2006, n. 67, pubblicata in Gazzetta ufficiale, n. 54, del 6 marzo 2006, entra in vigore una nuova normativa riguardante "Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni". Si tratta di una legge che, mentre risponde a precise direttive dell'Unione Europea sulla parità di trattamento fra le persone,  intende promuovere la piena attuazione del principio di parità e delle pari opportunità nei confronti delle persone disabili, al fine di garantire alle stesse il pieno godimento dei loro
diritti civili, politici, economici e sociali. Di particolare importanza, continua il dott. Cozzolino,  è la distinzione e definizione dei comportamenti che attuano una forma di discriminazione. "Tutti quei comportamenti per cui una persona, per motivi connessi alla sua disabilità, è trattata meno favorevolmente di quanto sia, sia stata o sarebbe trattata una non disabile in una situazione analoga", discriminazione diretta. "Tutti quei comportamenti apparentemente
neutri, che attraverso una disposizione, un criterio, una prassi, un atto, un patto o un comportamento, mettono una persona disabile in una posizione di svantaggio rispetto ad altre persone", discriminazione indiretta. "Tutti quei comportamenti indesiderati che, posti in essere per motivi connessi alla disabilità, violano la dignità e la libertà di una persona disabile, o creano un clima di intimidazione ostile e degradante nei suoi confronti", il cosiddetto mobbing”. Conclude il dott. Cozzolino.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post