Palermo, “Presto c’è un cassonetto in fiamme!”: poi l’agguato ai Vigili del Fuoco

Hanno attirato i Vigili del Fuoco allo Sperone con la segnalazione di un cassonetto dato alle fiamme e poi, quando gli uomini del 115 stavano azionando la manichetta, hanno iniziato a lanciargli addosso pietre e altri oggetti. Sembra a tutti gli effetti un agguato quello teso stanotte agli uomini del Comando provinciale e denunciato dal sindacato autonomo Conapo. Ad avere la peggio è stato il mezzo pesante dietro il quale si sono nascosti i pompieri per sfuggire alla sassaiola.
“Arrivati sul posto – spiega il segretario provinciale del sindacato autonomo Conapo Palermo, Benedetto Chiavello – a prendere fuoco c’era in effetti la carcassa di un’auto abbandonata e ribaltata su un fianco. Ad avere la peggio solo il grosso mezzo dei pompieri che ha riportato diverse ammaccature, mentre il vetro anteriore è stato danneggiato. La sassaiola è continuata anche durante le fasi di raccolta della manichetta”.
Il segretario provinciale, esprimendo solidarietà ai colleghi, ha definito quanto accaduto un “fatto increscioso che lascia sgomenti nonostante sia noto che i vigili del fuoco sono preposti principalmente alla salvaguardia della vita umana. Sicuramente – dichiara Chiavello – è stato uno sparuto gruppo di balordi che, pur di ammazzare la noia in una calda notte d’estate, si è divertito con questa azione deplorevole”.
Il sindacato ha annunciato l’intenzione di chiedere un incontro al comandante provinciale per chiarire quali iniziative intenda intraprendere per cercare di porre freno a queste ingiustificate gesta. “Si tratta di un gesto infame – riporta a Today il comandante Agatino Carrolo – di cui non riesco a scorgere le ragioni, ma purtroppo è tutto vero. Abbiamo informato l’autorità giudiziaria e valuteremo il da farsi”

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post