Advertisement Advertisement

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618

A te non costa nulla per noi è tanto

Menu principale
Home
Notizie
L'Associazione
Manifestazioni
Libri
Foto
Storia e Cultura
Archivio Stampa
Necrologi
Arte
Link
Contattaci
Cerca
Amministratore

deasport.it


Accedi all'archivio del sito deasport.it

Statistiche
Visitatori: 10085483
dal 8 gennaio 2007
Home

Tutti dovremmo essere femministi PDF Stampa E-mail
Scritto da Annalidia Iorio   
mercoledì 16 maggio 2018
“Una donna ha bisogno di un uomo, come un pesce ha bisogno di una bicicletta”. Femminismo. Sembra una parola veramente terribile. Solo a nominarlo, vi si immagina in lontananza un branco di donne assestate di sangue, misogine, con il fuoco ed i forconi intente ad ammazzare il primo uomo che passa. Non è così. Il femminismo è definito esattamente come “la posizione, o l’atteggiamento, di chi sostiene la parità politica, sociale ed economica di entrambi i sessi.” Quello che non è stato capito non solo dagli uomini. “Perché dovremmo essere tutti femministi? Non è una questione riguardante solo il “gentil sesso”?”: decisamente no. Questo concetto si lega infatti automaticamente ad una concezione emotiva che ne esclude l’uomo per la sua “virilità”.
“Se sei un maschio non può piacerti il rosa. Se sei un maschio non piangi. Se sei un maschio non guardi i film d’amore o leggi i romanzi rosa.” Ebbene, nel ventunesimo secolo, si parla ancora di questo.
Ma perché? Cosa definisce realmente l’essere “maschio”?
Chiedersi oggi cosa significhi essere un vero uomo, o una vera donna.. è imbarazzante. Ma rispondiamo alla grande domanda della massa: l’unica cosa che esiste, è l’essere. Esiste prendere posizioni, avere ideali. Avere responsabilità. Possedere tenacia e coraggio, impegno. Non si tratta di una pura difesa della donna nei confronti di questi “uomini crudeli che ci spezzano il cuore”. Si tratta di equità. Il punto focale della questione non è che “le donne sono meglio degli uomini”. Il reale problema sono i luoghi comuni e la mentalità. L’attore britannico Benedict Cumberbutch ha rifiutato di girare un film, poiché due sue colleghe partecipanti a quest’ultimo, erano inferiormente pagare rispetto a lui.  Dall’ex presidente statunitense Barack Obama, agli attori Mark Ruffalo, Ryan Gosling, fino al Dalai Lama, vi è stata non solo una vicinanza al ruolo della donna nella società, ma questi uomini si sono autodefiniti “femministi militanti”. Perché le donne sono considerate diverse? Perché siamo diverse? Non può essere un punto d’incontro puramente storico, è una scusa: abbiamo il diritto di voto dal 1946, protestiamo e ci ribelliamo con tutta la nostra forza dal 1400.
 
< Prec.   Pros. >
STAMPA

Dea Notizie

Scarica qui il n.187 di Dea Notizie del 15 maggio 2018.

Archivio e consultazione
Novità
La Galleria Fotografica è pronta! Accedi
Chi è online