Advertisement Advertisement

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618

A te non costa nulla per noi è tanto

Menu principale
Home
Notizie
L'Associazione
Manifestazioni
Libri
Foto
Storia e Cultura
Archivio Stampa
Necrologi
Arte
Link
Contattaci
Cerca
Amministratore

deasport.it


Accedi all'archivio del sito deasport.it

Statistiche
Visitatori: 10085389
dal 8 gennaio 2007
Home

Il baciamano di Manlio Santanelli PDF Stampa E-mail
Scritto da Raimondo Adamo   
martedì 13 febbraio 2018
Due maschere tragicomiche, due culture, due lingue, due corpi così lontani, così diversi, che, alla fine, si legheranno nel simbolico segno del “rito” del baciamano.
Le dinamiche feroci dell’incontro-scontro di due mondi in apparenza opposti sullo sfondo della fallimentare rivoluzione napoletana del 1799, costituiscono il fil rouge dello spettacolo Il baciamano di Manlio Santanelli, che vede l’attore partenopeo Giovanni Esposito alla sua prima regia, in scena venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 18) al Teatro Nuovo di Napoli.
Presentato da Teatro Segreto, l’allestimento si sviluppa in un contesto di guerra, dove la disperazione costruisce armi con la ferale meccanica del “tutto è concesso”, eppure quando questi mondi stringono fra loro un intimo contatto, il loro asse di rotazione si sposta.
I mondi che si scontrano, sullo sfondo della fallimentare rivoluzione napoletana del 1799, sono quelli di una “lazzara” e di un giacobino, interpretati da Susy Del Giudice e Giulio Cancelli.
Sono due maschere tragicomiche, due culture, due lingue, due corpi così lontani, così diversi, allegorie di pulsioni contrastanti ma che, alla fine, si legano nel simbolico segno del rito del baciamano.
Le loro abituali prospettive mutano e le asserite certezze si rivelano in tutta la loro effimera volatilità, rendendo disperata la ricerca di una via d’uscita. Un gesto ammirato, sognato, diventa l’opportunità per consolidare il cambio di prospettiva.
Mutare pelle e diventare quello che si poteva essere, due anime che arrivano a sfiorarsi, finché una voce, un suono, basta a farle rifuggire entro gli antichi confini, di nuovo costrette nell’antica e stratificata armatura.
Il sommovimento ha però lasciato delle crepe attraverso le quali sembrano germinare i semi di un mutamento forse definitivo.
In bilico tra eros e thanatos, pulsioni di morte e istinti erotici, si consuma il rito dell’incontro, si consuma una cerimonia di amore e morte, in un ribaltamento ironico e tragico, in un gioco di scambi di ruoli in cui il condannato a morte realizza con il baciamano il desiderio di chi sta per sacrificarlo.
La bellezza seduttiva del cerimoniale del baciamano, che ha incantato la janara davanti al Palazzo Reale, è tale che il rito viene raccontato come una “favola”.
L’allestimento si avvale delle scene a cura di Luigi Ferrigno, i costumi di Rossella Aprea, gli effetti video di Davide Scognamiglio, il progetto luci di Nadia Baldi, la collaborazione musicale di Elio Manzo.
 
< Prec.   Pros. >
STAMPA

Dea Notizie

Scarica qui il n.187 di Dea Notizie del 15 maggio 2018.

Archivio e consultazione
Novità
La Galleria Fotografica è pronta! Accedi
Chi è online
Abbiamo 1 visitatore online