Advertisement Advertisement

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618

A te non costa nulla per noi è tanto

Menu principale
Home
Notizie
L'Associazione
Manifestazioni
Libri
Foto
Storia e Cultura
Archivio Stampa
Necrologi
Arte
Link
Contattaci
Cerca
Amministratore

deasport.it


Accedi all'archivio del sito deasport.it

Statistiche
Visitatori: 9630530
dal 8 gennaio 2007
Home

Neurologia alla clinica “San Michele” affidato ad Andrea Di Lauro PDF Stampa E-mail
Scritto da Nunzio De Pinto   
lunedì 12 febbraio 2018
Se si soffre di problemi di coordinazione, intorpidimento o formicolio persistente in una parte del corpo, debolezza muscolare insolita, alterazioni delle capacità sensoriali, è bene richiedere il consulto di un neurologo. Alla Casa di Cura “San Michele” di Maddaloni (CE) è attivo un servizio ambulatoriale dedicato a patologie o disturbi neurologici ed è affidato al dr. Andrea Di Lauro. Il neurologo, infatti, è un medico internista specializzato nella diagnosi e nel trattamento delle patologie che possono colpire il cervello, il midollo spinale, i nervi e i muscoli; attraverso la visita, dunque, è in grado di capire se un paziente ha un problema (ad esempio una malattia, oppure una lesione del sistema nervoso centrale o di quello periferico) ed eventualmente dove è localizzato. “La visita neurologica” – chiarisce il dr. Di Lauro – “serve ad individuare una patologia,  nell’ipotesi anche grazie all’aiuto di TAC, RM, Elettroencefalogramma, Elettromiogramma, e quindi proporre la cura più efficace possibile. L’obiettivo è anche definire i fattori di rischio per determinate patologie (per es. ictus), al fine di attuare il miglior modo di fare medicina: predisporre una prevenzione appropriata soprattutto se si sono evidenziati dei segni o sintomi che il proprio medico ritiene dei campanelli di allarme”. Nello spazio ambulatoriale della struttura sanitaria di Maddaloni, Andrea Di Lauro mette a disposizione il bagaglio scientifico e di esperienze delle sua quarantennale attività specialistica in strutture nosocomiali: solo a Caserta, da primario neurologo dell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano, ha seguito circa dodicimila pazienti ricoverati per affezioni neurologiche (prevalemtemente ictus, epilessia, demenze, Parkinson, sclerosi multipla, cefalee, nevralgie, polinevriti). Ma qual è il punto di partenza di ogni indagine neurologica? “A una prima fase riservata all’anamnesi, cioè a raccogliere informazioni sulla storia clinica e familiare del paziente, sul suo stile di vita e sui sintomi con cui ha a che fare” – spiega il dr. Di Lauro – “segue un esame obiettivo neurologico, durante il quale si analizzano i riflessi nervosi, le capacità di movimento ed equilibrio, la forza muscolare, le abilità cognitive e la qualità del linguaggio del paziente. Il medico può anche valutare il senso di orientamento, la reazione degli occhi agli stimoli visivi e tanto altro”. Quando si sospettano problemi al sistema nervoso, insomma, difficoltà neuromuscolari, disturbi del sonno, emicranie, è utile prenotare un appuntamento con il neurologo.
 
< Prec.   Pros. >
STAMPA

Dea Notizie

Scarica qui il n.184 di Dea Notizie del 16 febbraio 2018.

Archivio e consultazione
Novità
La Galleria Fotografica è pronta! Accedi
Chi è online
Abbiamo 2 visitatori online