Advertisement Advertisement

Destinaci il 5 X mille dell'Irpef segnalando la Partita Iva 02974020618

A te non costa nulla per noi è tanto

Menu principale
Home
Notizie
L'Associazione
Manifestazioni
Libri
Foto
Storia e Cultura
Archivio Stampa
Necrologi
Arte
Link
Contattaci
Cerca
Amministratore

deasport.it


Accedi all'archivio del sito deasport.it

Statistiche
Visitatori: 9162447
dal 8 gennaio 2007
Home

Budapest dedica una statua a Bud Spencer PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Nespolino   
martedì 14 novembre 2017
L’amore che non ti aspetti: quello di Budapest per Bud Spencer. La capitale ungherese dedica una statua all’indimenticato attore Carlo Pedersoli, che lo ritrae nei panni di Bambino in “Lo chiamavano Trinità”. Ai piedi della statua una frase, in lingua ungherese, che riprende quella storica di Terence Hill: “Mi sohasem veszekedtunh”, ossia: “Non abbiamo mai litigato”.La statua dell’artista Szandra Tasnadi è stata inaugurata alla presenza delle  due figlie di Bud, che  profondamente commosse, hanno tolto il telo e presentato l’opera ai presenti. Budapest e l’Ungheria amano così tanto l’attore napoletano per motivi che potremmo definire sia cinematografici che storico-politici.
Negli anni ’60 e ’70, infatti, i film western americani non erano ammessi in Ungheria, così come in tutti i Paesi del blocco sovietico per motivi di censura politica. Gli ungheresi “ripiegavano”, quindi, sui western europei, tra cui quelli italiani, che facevano la parte del leone. “Lo chiamavano Trinità”, in breve tempo, divenne un vero e proprio cult, amato da generazioni di ungheresi che potevano così seguire le gesta di Bambino e di suo fratello Trinità nel film girato da E.B. Clucher, al secolo Enzo Barboni
 
< Prec.   Pros. >
STAMPA

Dea Notizie

Scarica qui il n.181 di Dea Notizie del 17 novembre 2017.

Archivio e consultazione
Novità
La Galleria Fotografica è pronta! Accedi
Chi è online
Abbiamo 1 visitatore online