Studio evidenzia legame tra infiammazione cronica e invecchiamento

I risultati della ricerca di un team internazionale di scienziati aprono nuove strategie per la diagnosi precoce, la prevenzione e il trattamento di una vasta gamma di malattie associate all’infiammazione cronica sistemica. Claudio Franceschi, uno scienziato di fama mondiale, professore all’Università di Bologna (Italia) e capo del Laboratorio di ricerca per la medicina sistemica dell’invecchiamento sano all’Università di Lobachevsky, insieme ad altri membri di un gruppo di ricerca internazionale, ha descritto i meccanismi alla base del infiammazione e identificato diversi fattori di rischio che portano alla malattia. Come notato nel documento “Infiammazione cronica nell’eziologia della malattia per tutta la durata della vita” pubblicato sulla rivista Nature Medicine (fattore di impatto sulla rivista 30.641), questi includono infezioni, inattività fisica, dieta, fattori ambientali, tossici industriali e stress psicologico. I molti anni di ricerca del professor Claudio Franceschi hanno portato alla teoria dell ‘”invecchiamento dell’infiammazione”, secondo la quale l’invecchiamento è un processo infiammatorio generale che coinvolge tutto il corpo e provoca malattie associate all’età: morbo di Alzheimer, aterosclerosi, malattie cardiovascolari, tipo II diabete e cancro. «Oggi, le malattie infiammatorie croniche sono in cima alla lista delle cause di morte. Vi sono prove sufficienti che gli effetti dell’infiammazione cronica possono essere osservati per tutta la vita e aumentare il rischio di morte. Non sorprende che gli sforzi degli scienziati si concentrino sulla ricerca strategie per la diagnosi precoce, la prevenzione e il trattamento dell’infiammazione cronica», afferma Claudio Franceschi.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post