Anno sociale del Centro Studi Francescani su “Spirito di Assisi” e “Profezia della pace”

Maddaloni – Tra meno di un mese prenderà il via il nuovo anno sociale del Centro Studi Francescani per il Dialogo Interreligioso e le Culture con sede in Maddaloni e diretto dal teologo prof. don Edoardo Scognamiglio.
Come ogni anno si terranno una serie di incontri formativi e spirituali a carattere interreligioso.
Tema di riferimento per l’anno sociale 2019/2020 è “Spirito di Assisi” e dunque la “Profezia della pace”.
Infatti, lo “Spirito di Assisi” raccoglie, a livello regionale, la partecipazione di credenti appartenenti alle diverse Comunità religiose sparse sul Territorio campano che s’impegnano per la formazione al dialogo, alla pace, alla fraternità universale, sul modello di san Francesco d’Assisi e di tanti altri testimoni dell’unità del genere umano e dell’amore.
Il percorso formativo di quest’anno, segnato dall’esigenza del confronto, della conoscenza dell’altro, ma altresì dal bisogno di condividere momenti di preghiera e di approfondimento spirituale e religioso, prevede una lettura a più voci di argomenti comuni, preceduta da un momento di preghiera offerto dalla comunità che ospita, di volta in volta, l’incontro di approfondimento interreligioso.
Gli incontri formativi sono aperti a tutti, credenti e non secondo il seguente calendario.
• 25 settembre 2019 – Maddaloni (Ce) – Centro Studi Francescani (Via S. Francesco, 117 [ore 19.30]) sul tema “Sacro e divino nelle diverse esperienze religiose: una lettura comparata”
• 23 ottobre 2019 – Torre del Greco (Na) – Parrocchia S. Antonio di Padova (Via Nazionale, 98 [ore 19.30]) sul tema “Preghiera e meditazione nelle diverse religioni”
• 27 novembre 2019 – Napoli – Comunità internazionale Dzogchen di Namdeling (Via Ponti Rossi, 113 [ore 18.30]) sul tema “Sofferenza e felicità nelle tradizioni religiose”
• 20 dicembre 2019 – Caserta – Chiesa Taoista (Via Giacomo Puccini, 16 [ore 19.30]) sul tema “La compassione nelle varie religioni”
• 22 gennaio 2020 – Afragola (Na) – Parrocchia S. Giorgio Martire (Piazza S. Giorgio Martire, 2 [ore 19.30]) sul tema “Il perdono, cuore di ogni esperienza religiosa”
• 26 febbraio 2020 – Napoli – Parrocchia S. Cuore (Corso Vittorio Emanuele, 649 [ore 19.30]) sul tema “La fratellanza universale nel dialogo tra le religioni”
• 25 marzo 2020 – Napoli – Associazione donne ebree d’Italia-Comunità ebraica di Napoli (Vico Santa Maria a Cappella Vecchia, 31 [ore 18]) sul tema “Il ruolo della donna in prospettiva interreligiosa”
• 29 aprile 2020 – Portici – Centro Baha’i (Via Lorenzo Rocco, 9 [ore 19.30]) sul tema “I giovani e la spiritualità nelle varie religioni”
• 20 maggio 2020 – Volla (Na) – Chiesa evangelica libera di Volla (Viale Vesuvio, 180 [ore 19]) sul tema “Scienza e religione in dialogo”
• 24 giugno 2020 – Salerno – Istituto Buddista Soka Gakkai (Via Casa Manzo, 67 [ore 19.30]) sul tema “Pluralismo e identità religiosa: la via del dialogo fraterno”
• 30 giugno 2020 – Maddaloni (Ce) – Centro Studi Francescani (Via S. Francesco, 117 [ore 19.30]) sul “Agape fraterna e programmazione”.
Il percorso formativo tiene conto del fatti che «Il legame di fraternità che si forma in famiglia tra i figli, se avviene in un clima di educazione all’apertura agli altri, è la grande scuola di libertà e di pace. In famiglia, tra fratelli s’impara la convivenza umana, come si deve convivere in società. Forse non sempre ne siamo consapevoli, ma è proprio la famiglia che introduce la fraternità nel mondo! A partire da questa prima esperienza di fraternità, nutrita dagli affetti e dall’educazione familiare, lo stile della fraternità si irradia come una promessa sull’intera società e sui rapporti tra i popoli» (PAPA FRANCESCO, Udienza del 18-2-2015).
Ed ancora del fatto che «è stato dimostrato che l’odio e la paura distruggono le difese immunitarie, mentre la bontà le rafforza. Che fare del bene, aprirci agli altri, accresce il nostro benessere. Al contrario, ci sono ampie evidenze scientifiche che gli atteggiamenti negativi si ripercuotono in maniera negativa su noi stessi, prima ancora che sugli altri» (DALAI LAMA, La felicità al di là della religione).
Punto di forza della serie di incontri è quello secondo il quale «La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, che ha creato l’universo, le creature e tutti gli esseri umani – uguali per la Sua Misericordia –, il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose e povere» (Documento sulla Fratellanza umana).
Ed ancora, «Amicizia e fratellanza non devono essere esclusivi e oppositori nei confronti di altri. In particolare di tutti coloro che si riconoscono nell’eredità spirituale di Abramo. Ebrei, cristiani e musulmani sono chiamati senza e-sclusioni a questa responsabilità di pace» (Rav. Riccardo di Segni, Discorso del 17-1-2010).
Diverse le testimonianze interreligiose per un unico fine:«Ho solo tre cose da insegnare: semplicità, pazienza, compassione. Questi sono i tre tuoi più grandi tesori. Semplicemente nelle azioni e nei pensieri, tu ritorni alla fonte dell’essere. Paziente sia con gli amici sia con i nemici, tu ti concili con il senso delle cose. Compassionevole verso te stesso, riconcili tutti gli esseri del mondo» (Lao Tzu).
«Se desiderate con tutto il cuore la fratellanza con ogni razza del mondo, i vostri pensieri positivi e spirituali si propagheranno, il vostro desiderio diverrà il desiderio degli altri e si farà sempre più forte fino a fissarsi nella mente di tutti gli uomini» (La saggezza di ‘Abdu’l-Bahá).
Per informazioni e adesioni contattare la segreteria: recapito chiesa di San Francesco d’Assisi in Via San Francesco d’Assisi, n. 117 a Maddaloni (Caserta); telefono: Telefax 0823434779; Cell. 3472968637; e-mail: edosc@libero.it, portale web www.centrostudifrancescani.it o pagina social https://www.facebook.com/centrostudifrancescani/..

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post