Ribaltone meteo, esplosione di caldo per Pasqua e Pasquetta

Il meteo continua a correre da un estremo all’altro, dal caldo al freddo e dal bel tempo al ritorno delle piogge e della neve. Insomma, la Primavera ci sta davvero mettendo a dura prova con i suoi continui alti e bassi. Dopo una parentesi quasi invernale che ha visto una Domenica di freddo maltempo, ecco che l’atmosfera è pronta a subire una vera esplosione di caldo che caratterizzerà la settimana Santa. Ma il suo destino sembra già segnato da l’ennesimo gran ribaltone che potrebbe piombarci addosso come un macigno proprio a cavallo del weekend di Pasqua.
Cerchiamo dunque di capire come evolverà la situazione e dove si faranno sentire in seguito gli effetti dell’ennesimo ribaltone.
La situazione attuale vede un area di bassa pressionesull’Italia in fase di lento e graduale attenuazione ma ancora capace di portare qualche disturbo al Sud. Su Martedì avremo anche qualche nota d’instabilità sull’estremo Nord Ovest per effetto della coda di una perturbazione atlantica. Nel contempo, avanza una figura di alta pressione di origine sub tropicale, la quale, conquisterà il nostro Paese soprattutto fra Mercoledì 17 e Giovedì 18 Aprile. Da tale data, attendiamoci una vera e proprio esplosione di caldo con tempo che diverrà via via sempre più stabile, soprattutto da Giovedì, con le temperature pronte a subire un forte e deciso aumento su tutto il Paese. Salvo sorprese, il sole e il caldo, ci accompagneranno sicuramente fino a tutta la giornata di Sabato 20 Aprile.
In seguito, la nostra attenzione, si rivolge alla vicina Spagna, dove un minimo di bassa pressione comincerà a muovere il suo centro motore verso est e dunque verso l’Italia con l’intento di riservarci un possibile cambiamento a cavallo del giorno di Pasqua e Pasquetta . Il tempo, infatti, potrebbe tornare ad assumere connotati di forte instabilità con il ritorno delle piogge e dei temporali sparsi anche se in un contesto di forte variabilità. Insomma, per alcune zone del Paese ci sarà bisogno dell’ombrello mentre in altre aree d’Italia si potrà godere di tempo più clemente.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post