Le meraviglie di Carlo di Borbone: la Reggia di Portici

Posto alle pendici del Vesuvio all’interno di un ampio e fiorente parco; la neoclassica e meravigliosa Reggia di Portici fu realizzata nel 1738 per volere del sovrano Carlo di Borbone e la moglie Maria Amalia di Sassonia come residenza estiva della famiglia reale e della corte prima della costruzione della più magniloquente Reggia di Caserta. Il progetto fu affidato ad Antonio Canevari, che fu chiamato dal Re per la realizzazione di numerose opere pubbliche a Napoli, tra cui anche la Reggia di Capodimonte. Tra coloro che vi lavorarono, figurano gli architetti Ferdinando Fuga e Luigi Vanvitelli mentre per gli interni collaborarono artisti come il pittore Giuseppe Bonito , che decorò le sale del palazzo, lo scultore Giuseppe Canart che decorò con statue in marmo di Carrara il parco esterno, e il pittore Vincenzo Re, che decorò con illusorie prospettive architettoniche lo scalone a doppia rampa e la sala delle Guardie e del Trono.
Secondo le fonti, i coniugi reali quando visitarono la Villa del duca D’Elboeuf rimasero talmente impressionati dalle bellezze del napoletano che decisero di costruire in quelle zone la propria dimora.
Infatti la costruzione è inserita tra due boschetti, uno dedicato alla caccia e l’altro di natura ornamentale che presenta un giardino all’inglese allestito da gruppi scultorei come la fontana delle Sirene, il Chiosco del Re Carlo, e la Fontana del Cigni. Esso ospita anche uno zoo con animali esotici che il re Ferdinando IV fece giungere dall’estero.
L’edificio, di modeste dimensioni, presenta una pianta quadrangolare e un atrio sostenuto da nove volte a pilastri; al di là di esso si accede alla parte inferiore del palazzo con una grande facciata verso il mare e un’ampia terrazza da cui si estendono due rampe di scale a tenaglia che conducono al parco ornamentale.
Nel 1799 con la Rivoluzione Napoletana, la corte reale fuggì a Palermo portando con sé tutti i beni della Reggia e tutte i reperti provenienti dalle città sepolte di Pompei ed Ercolano trovate durante gli scavi e utilizzate come allestimento e decorazione della Reggia.
Gioacchino Marat nel 1838 arredò di nuovo la Reggia assecondando uno stile lussuoso e francese, mentre sotto Ferdinando II di Borbone, la reggia fu collegata con Napoli con la primissima rete ferroviaria italiana (la famosa Napoli-Portici). Ospitò anche papa Pio IX per poi essere sempre meno frequentato con il passare del tempo. Attualmente il palazzo ospita la facoltà di Agraria dell’Università Federico II ed alcuni musei.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post