L’uso di tabacco in adolescenza può essere legato alla paranoia

Un recente studio ha messo in evidenza la possibile correlazione tra uso di tabacco nell’adolescenza ed esperienze psicotiche, come paranoia ed allucinazioni, dovute in parte ad effetti genetici condivisi. Ciò tenendo conto anche di altri fattori, tra cui uso di cannabis, disturbi del sonno ed una vita stressante. È quanto emerso in un lavoro pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of the american academy of child and adolescent psychiatry” (Jaacap). Lo studio fornisce inoltre nuovi spunti sulle cause sottostanti dell’associazione.
Gli autori hanno scoperto che la co-occorrenza tra paranoia ed uso di tabacco era largamente dovuta a influenze genetiche. Per altri tipi di esperienze psicotiche, come allucinazioni e disordini del pensiero, sono stati individuati simili risultati, sempre associati all’uso del tabacco in adolescenza.
I ritrovamenti sono basati su un campione di gemelli nati in Inghilterra e Galles tra il 1994 e il 1996. Più di 3.700 adolescenti gemelli hanno preso parte a questo studio, all’età di 16 anni. Di questi, il 31,4% ha riferito di aver fumato sigarette nell’ultimo anno, con il 12,1% di essi individuati come fumatori occasionali e il 5,2% come fumatori abituali.
Gli adolescenti hanno riferito di aver avuto eventi di paranoia ed altre esperienze come allucinazioni e disordini del pensiero, mentre, i genitori hanno riferito di aver notato nei loro figli problemi come assenza di motivazione, sconfitta sociale e mancanza di stimoli emozionali. Questi tipi di esperienze psicotiche e comportamenti sono comuni nell’adolescenza e variano significativamente a seconda di quanto siano gravi negli individui.
«Mentre il legame tra uso di droghe come la cannabis, paranoia ed allucinazioni, è stato scoperto già in precedenza, molto poco si conosce della correlazione tra uso di tabacco e problemi di salute mentale», ha spiegato Angelica Ronald, autrice principale dello studio, dell’Università di Londra. «In particolare – continua – non conosciamo realmente il perché vi sia una corrispondenza tra uso di tabacco e disordini mentali».
«In questi nuovi ritrovamenti – spiega Ronald -, abbiamo scoperto che l’uso del tabacco è in qualche modo ereditabile e parte delle influenze genetiche sull’uso del tabacco giocano un ruolo in chi sperimenta effetti come il sentirsi paranoici. Sarà interessante perseguire ulteriori ritrovamenti per svelare i meccanismi che portano a questa associazione».

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post