La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta da Soverato porta a casa un successo da urlo per 3-1

Impresa della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta. A Soverato, contro la prima della classe, riesce ad essere più forte anche della sfortuna e degli infortuni portando a casa che rilancia la rincorsa della formazione rosanero. Un vero e proprio miracolo di coach Bracci che anche senza l’opposto Perez (a casa per infortunio) lancia Frigo in diagonale con Dalia e vince una partita a scacchi con il tecnico avversario tornando a Caserta con tante convinzioni in più. Mercoledì si torna in campo per la Coppa in quel di Trento mentre domenica prossima ancora in trasferta contro la nuova capolista Mondovì.
PRIMO SET. Coach Bracci inventa: la centrale Frigo nel ruolo di opposto vista l’assenza di Perez. Ed è una mossa che ‘devasta’ le certezze della squadra avversaria che infatti va in bambola e praticamente nel primo parziale non riesce mai a fare male. Le difese della Volalto 2.0 Caserta sono eccezionali. Tutte si lanciano su qualsiasi pallone e i muri, viste le tre centrali in campo, sono quasi insormontabili. La fast di Repice regala subito il 2-5. Poi ci pensa proprio Frigo nell’insolito ruolo di opposto a siglare in parallela il 4-8. Melli permette di allungare e Cella in diagonale fa male (12-17). Coach Napolitano chiama time-out ma al rientro in campo non cambia nulla: Fucka a muro è bravissima per il 12-20. Nel festival si inserisce anche Dalia: tocco di seconda e 13-21. Ghilardi prende tutto e dà la palla perfetta per la palleggiatrice che serve in primo tempo Fucka che regala ben 10 set point. Si chiude 15-25 con l’errore al servizio di Soverato.
SECONDO SET. Soverato prende le misure alla formazione casertana e si va punto a punto fino al 6 pari poi la squadra calabrese tenta l’allungo con Aricò che sigla il 10-7. Coach Bracci chiama time-out. Al rientro in campo è tutta un’altra storia: break rosanero che vale il sorpasso (10-11). Contro time-out di coach Napolitano. La Golden Tulip riesce addirittura ad avere nuovamente tre punti di vantaggio quando il tabellone riporta 14-17 sull’attacco vincente di Cella. Melli on fire sul finale di set: suo il 19-21. Ma Soverato non molla e trova il pari nel momento decisivo del parziale: è 22-22. Boriassi quindi si carica la squadra sulle spalle: una ricezione errata di Cella regala il pallone alla giocatrice calabrese che stampa il 24-22. Due set point. Il primo è annullato da Repice ma non il secondo. Si gira campo 25-23.
TERZO SET. Caserta torna in campo ancora con più motivazioni dopo il set gettato alle ortiche. E ci pensano le tre centrali a regalare subito un break: Fucka al servizio, Repice a muro e Frigo con un mani out ed è 0-3. Soverato però ritorna subito in partita e pareggia a 7 grazie ad Aricò. Poi si va punto a punto con le padrone di casa che riescono ad essere sempre in vantaggio fino al pallonetto da ‘4’ in ‘3’ di Cella che piega la difesa calabrese per il nuovo sorpasso rosanero (17-18). Poi è una sfida anche di nervi: fast di Frigo e attacco out di Aricò e Caserta va +2 (20-22). Coach Napolitano chiama time-out. Un altro attacco out di Soverato regala tre set point (21-24). Il muro di Repice permette alla Volalto 2.0 di tornare a casa almeno con un punto (22-25). Ed è già un mezzo miracolo.
QUARTO SET. Caserta parte in quinta costringendo subito coach Napolitano a chiamare time-out quando la sua squadra ha già 3 punti da rimontare sul 7-10. Melli fa la voce grossa stampando in diagonale l’8-12. Soverato spinta dal pubblico di casa non molla e si rifà sotto fino al 14-15. Coach Bracci manda in campo Giugovaz per Melli. Si torna in parità a 15. Ma la Golden Tulip in questa partita ha quella grinta e quel cuore che solamente poche squadre possono avere. Nuovo importante strappo con Cella che supera il muro dopo uno scambio interminabile: è 16-19. Mani out di Frigo e +4 (16-20). Time-out Soverato. Rientra Melli ed è subito decisiva: suo il 17-22. Fucka regala il 18-23 e Caserta pochi secondi dopo conquista 5 match point. Ne basta uno: pipe di Cella e 19-25. Si può festeggiare.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post