Esiste lo spirito di Natale?

Lo spirito natalizio che esiste in ciascuno di noi è stato anche dimostrato dalla scienza secondo uno studio condotto presso il Danish Headache Center alla University of Copenaghen, in collaborazione con altri istituti di ricerca, da un gruppo di ricercatori danesi per cui lo spirito natalizio si attiva in alcune aree del cervello dedicate. Secondo quanto sostiene questo gruppo di ricercatori per esempio decorare l'albero, rimanere affascinati dalle decorazioni luminose oppure andare a caccia di regali sono tutti fattori che dipendono dal nostro cervello. Tale ricerca ha coinvolto 10 soggetti abituati a festeggiare la festività del Natale e altri 10 che non mostravano alcun tipo di interesse per la festività natalizia, ai quali sono state mostrate delle immagini che hanno per tema il Natale accostate con delle immagini estranee. Intanto si eseguivano alcune scansioni cerebrali mediante risonanza magnetica che andavano ad individuare le aree del cervello attivate nell’individuo. Al termine della sperimentazione i ricercatori danesi hanno confermato di aver trovato le cinque aree cerebrali dove risiederebbe lo spirito natalizio come corteccia sinistra premotoria e motoria primaria, lobo destro inferiore e parietale superiore e corteccia primaria bilaterare somatosensoriale. Queste aree cerebrali sono state associate poi con la spiritualità per cui lo spirito del Natale per la scienza, quindi, esiste davvero e risiede nelle diverse aree della corteccia cerebrale. Il gruppo di persone “Il Natale” sentono lo spirito natalizio perché queste aree del cervello presentano un’attivazione significativamente maggiore rispetto a quelli del gruppo “non natalizio” che tendono a risultare passive e non si lasciano andare alla spiritualità delle feste consacrate. Inoltre é stato anche dimostrato che i partecipanti a tale ricerca, appartenenti al gruppo “non natalizio", sarebbero anche affetti da una sindrome che gli studiosi chiamano “bah humbug”.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post