Attività Carabinieri Caserta

In Aversa (CE), i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato, per tentata rapina e lesioni personali,  D’angelo Nicolino, cl.1996, di Casal di Principe. Nella circostanza, il prevenuto, poco prima, aggrediva un dipendente di un distributore di carburanti del luogo, colpendolo violentemente con calci e pugni nel tentativo di farsi consegnare l’incasso della giornata. Una pattuglia dell’Arma, in servizio perlustrativo in zona, ha notato la scena, intervenendo immediatamente, riuscendo cosi a bloccare  il citato  D’angelo, nonostante un suo  vano tentativo di fuga. La vittima è stata medicata presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Aversa. L’arrestato, invece,  è stato condotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 
In Castel Volturno (CE) i Carabinieri della locale stazione hanno proceduto all’arresto di un 39enne cittadino del Togo, per furto di energia elettrica. Nella circostanza i militari dell’Arma, unitamente a personale tecnico della Società ENEL, hanno accertato che il prevenuto aveva manomesso il proprio contatore elettrico, al  fine di alimentare illecitamente la sua attività commerciale. Lo stesso, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

In Santa Maria Capua Vetere (CE), presso la locale casa circondariale, i Carabinieri dell’aliquota radiomobile della locale Compagnia e quelli della Stazione di San Prisco, hanno proceduto alla notifica dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’ ufficio GIP del Tribunale Sammaritano, nei confronti di Taikunovic Nesha, nato in Yugoslavia, cl. ivi detenuto. Il provvedimento in parola è frutto di una attività di indagine condotta nell’anno 2010 dalla citata Stazione di San Prisco, nel corso della quale sono stati raccolti elementi di colpevolezza nei confronti del prevenuto, circa una serie di furti in abitazione commessi nelle province di Caserta, Salerno e Frosinone nell’anno 2010.

In Marcianise (CE), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia,  hanno arrestato, in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il pregiudicato Nocera Andrea, cl. 89, del luogo. L’uomo è stato trovato in possesso, a seguito di perquisizione personale e domiciliare,  di gr. 99,00 di sostanza stupefacente tipo hashish. Pertanto è stato accompagnato presso la propria abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

In Villa Literno (CE), via Gallinelle, nell’ambito di uno specifico servizio  svolto dai Carabinieri della locale stazione in occasione del mercato settimanale, è stato arrestato, in flagranza di reato per “introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi e resistenza a p.u. il cittadino marocchino Ezzine Ahmed, cl. 81, in italia senza fissa dimora. L’uomo, alla vista dei militari dell’Arma ha cercato di scappare a piedi al fine di eludere il controllo. Raggiunto e bloccato, ha anche cercato di reagire fisicamente nei confronti dei Carabinieri. Tale comportamento, infatti, era dovuto al fatto che, a seguito di perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di nr. 610 (seicentodieci) paia di scarpe palesemente contraffatte. Quanto rinvenuto è stato sequestrato mentre il marocchino è stato trattenuto presso le camere di sicurezza dell’Arma, in attesa della celebrazione del rito direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria.
 
In Vairano Patenora (CE), i  Carabinieri della locale stazione hanno arrestato, per furto aggravato, Medici Luigi, cl. 55, del luogo, Mauro Maria Teresa, cl. 69 e Medici Lorenzo, cl. 96, tutti del luogo. Nella circostanza, i tre sono stati sorpresi dai militari dell’Arma all’interno di un terreno agricolo sito in località “Acquarelli”, di proprietà di un 33enne del luogo, intenti ad asportare legna da ardere. In particolare i suddetti avevano già tagliato e caricato fraudolentemente su di un motocarro di proprietà di Medici Luigi circa 4,50 quintali di arbusti di quercia ivi presenti e si stavano allontanando dal fondo. Gli immediati riscontri hanno consentito ai Carabinieri di accertare che dalla prima decade di febbraio u.s. alla data odierna, i prevenuti avevano consumato ulteriori furti di legname sempre in danno della stessa vittima, impossessandosi complessivamente di circa 300 quintali di legname per un valore commerciale di circa 3.000 euro. L’intera refurtiva è stata restituita all’avente diritto mentre gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria.

Condividi questo articolo qui:
error
Stampa questo post Stampa questo post